Uncategorized

ME LO PRENDI PAPÀ?

“Quel gufo con gli occhiali che sguardo che ha. Lo prendi papà? Si!” (Sei forte papà, 1976 – Gianni Morandi)

Peso: – 200 gr

Allora due settimane fa una mia amica, che conosce un’amica, che a sua volta conosce un’altra amica che conosce a sua volta una persona che conosce un’altra persona. Ok Stop! Questo per dire che, tramite questa catena di Sant’Antonio, io ho avuto un colloquio di lavoro! Mio Dio! Un colloquio di lavoro!!! Quando me l’hanno detto non ci potevo credere. L’ultimo colloquio che ho sostenuto non dico che risale ai tempi in cui i dinosauri cagavano nel Colosseo, ma forse risale al periodo in cui era stato concesso il voto alle donne. Non lo so. Francamente non lo ricordo, quando sei disoccupato e sepolto in casa il tempo perde le lancette e le giornate si confondono. Il lavoro è per un negozio. Un part-time il pomeriggio. Neanche mi azzardo a scrivere che cosa avrei voluto fare “da grande”, perché è già un miracolo sognare di lavorare. Comunque lavorando il pomeriggio posso mantenere i miei impegni da baby-sitter la mattina con la tedesca e i suoi gemelli psicopatici. Dopo aver perso il lavoro a tempo indeterminato sono finito in una rete di sostituzioni di maternità (ben 5), fino a quando non mi hanno più chiamato o forse le donne hanno smesso di fare figli. Chi lo sa. Spesso le agenzie interinali mi riportavano le frasi dei loro clienti per cui avevo prestato servizio, tipo – è bravo, però purtroppo i tempi sono questi e non possiamo assumerlo -. Diciamo la verità, erano le classiche frasi di circostanza. Mi elogiavano con tanta di quella vasellina, che quando tornavo a casa ci volevano secchiate d’acqua per sciacquarmi il culo.

Le agenzie interinali hanno spesso sostenuto che ho un CV troppo carico di esperienze e di titoli. Io ho due lauree e un master (non lo dico per narcisismo ma per sottolineare che nella vita non ho fatto cazzate solo con gli uomini, ma anche con l’istruzione). E quindi ho cominciato a snellire il mio CV. Poi per questo specifico colloquio, un part-time in un negozio, ho eliminato anche le lauree e il master, lasciando solo il diploma. Ho pensato: ma potrebbero prendere uno della mia età con questi titoli per fare un commesso part-time? D’altra parte in Italia per poterti “vendere” ti devi “svendere”.

Quando i miei amici hanno saputo del colloquio mi hanno mandato una marea di messaggi. Coraggio Ro! Forza Ro! Questa volta andrà bene! Ce la farai. Stai tranquillo questa volta la ruota girerà nel verso giusto. Sei grande Ro! In culo alla balena Romeo! Crepasse questo cacciatore Rom! E via dicendo. Devo ammettere che mi avevano commosso. Ma! C’è sempre un ma nella mia vita! Quando hanno saputo che il negozio per cui ho fatto il colloquio era un Sexy Shop, mi sono arrivati, come dire, svariati messaggi un po’ diversi da quelli dell’incoraggiamento. E in tutto questo io avevo sostenuto il colloquio, ma non avevo ancora ricevuto nessuna risposta in merito.

8/3/2016 ore 12:23 Carla: “Ciao Rom, volevo dirti se per caso nel negozio puoi vedere se hanno quegli arnesi, non so come si chiamano, perché non è per me, è per una mia amica, ecco quegli organi maschili finti che vibrano come il cellulare. Se puoi vedere quanto costano, quanto sono grandi. Se mi puoi dare delle indicazioni in merito. Non è per me, ma per la mia amica. E puoi vedere se ti fanno anche uno sconto? Io penso che agli impiegati lo fanno. Grazie, soprattutto da parte della mia amica, perché non è per me.”

10/3/2016 ore 14:45 Rosanna: “Ro non ci posso credere un sexy shop! Senti io non ci sono mai entrata e mi devo togliere questa curiosità. Che dici se quando entrerai a lavorare lì dentro vengo una volta pure io? Però facciamo una cosa, io aspetto fuori, poi quando il negozio è vuoto tu mi chiami sul cellulare ed io entro, ma se poi entra qualcuno io esco, ok? Che dici entro con un paio d’occhiali da sole e una parrucca?”

10/3/2016 ore 15:01 Marco: “Ro mi devi perdonare! Mi odierai lo so. Ma sai parlavo e scherzavo con dei miei colleghi sul colloquio che hai fatto e questi mi hanno chiesto il tuo numero. Non ho potuto fare a meno, loro mi fanno sempre dei favori facendo i turni notturni al posto mio e così per me e Flavia è più facile gestire il bambino. Ro lo so non t’incazzare, ti devo un cinema, anzi due, facciamo tre che sono i colleghi a cui ho dato il tuo numero. Ti chiamo più tardi. Un abbraccio.”

10/3/2016 ore 17:19 +39 347 89XXXXX: “Ciao Romeo sono XXXXXXX so il collega di Marco. Ho saputo che lavorerai in un sexi shopp. Senti a me servirebbe un cazzo di 25 cm con diametro da 10. Vedi quanto costano e se ci sono degli sconti. Ti invio la foto di un cazzo negro che ciò. A me me serve di quelle dimensioni che ti ho dato e stavolta me serve bianco, bianco nel senso come ciavemo noi italiani. Non è per me chiaro, io non sono ricchione, cioè nun so fascio ehhh, nulla contro i ricchioni, io lo so che tu sei ricchione, ma so che sei uno con cui si può parlare perché me sembri normale. Adesso te invio la foto. Grazie Famme sapè ehhh. Ciaone.”

12/3/2016 ore 11:41 Cinzia: “Ciao Ro. Senti al negozio spesso vendono degli intimi favolosi. Sono molto sexy, soprattutto quelli leopardati. Mi fai un favore? Fai le foto a tutti i completi che vedi e anche al prezzo? Poi me li invii su WhatsApp. Io poi vado da Intimissimi e faccio i paragoni con i prezzi. Controlla se sono 100 % cotone e se per caso ti fanno uno sconto, in genere a quelli che lavorano nei negozi lo fanno. Cerca soprattutto quei reggiseni che potrebbero valorizzarmi le tette. Bacio.”

13/3/2016 ore 17:15 Hegel (Luca): “Ro puoi vedere al negozio se vendono dei manuali? Sarebbe interessante capire il passaggio nei secoli dell’evoluzione dei costumi sessuali, come ad esempio l’uso dei vibratori e degli altri oggetti che portano al piacere delle coppie o dei single. Ho letto alcuni studi su questo, ma vorrei approfondire l’argomento. Il manuale va bene anche se lo trovi in inglese, tedesco e spagnolo. Lo sai che ho cominciato a studiare il filandese? Baci testa di cazzo ti chiamo dopo.”

15/3/2016 ore 16:22 +39 328 55XXXXX: “Ciao Romeo sono XXXXX il collega di Marco. Ti ha detto che ti avrei contattato? Volevo dirti che io vorrei prendere del materiale presso il negozio, tutto quello che riguarda il bondage. Ho delle manette ma si sono rotte. Mi servirebbero anche dei corsetti, cappucci e bavagli. Tra un po’ ti faccio una lista e te la invio, così guardi quanto costano e mi dici anche se ti fanno lo sconto? Ciao XXXXX”

16/3/2016 ore 18:25 Sandra: “Ciao Ro come stai? Senti avrei bisogno di un favore. Non ti ho mai nascosto le mie fantasie e tu lo sai che a me piace essere frustata. Ecco però ho la pelle delicata e a volte il mio compagno esagera con la frusta che abbiamo. Mi servirebbe una piccola frusta, però la vorrei non di pelle, ma di altro materiale non animale, perché sai che sono diventata vegana e aborro il concetto di oggetti costruiti sulla sofferenza degli animali. Capisci che non potrei mescolare, per principio, il dolore degli animali morti sul piacere del mio corpo. Ti mando il link di una che vorrei. Vedi se conviene prenderla più al negozio (magari a te fanno degli sconti) o su internet. Ciao ciao.”

17/3/2016 ore 09:07 “Giulia: “Maritozzo mioooo!!! Se tu non fossi gay saresti stato il mio marito ideale, invece di accollarmi quel mutuo umano di compagno. Tu sai che nei nostri giochini mi piace sculacciarlo vero? Mi vedi nel negozio se vendono quei frustini per le sculacciate? In genere hanno il manico in plastica e la parte superiore è di silicone. Guarda se c’è viola, io sto colore lo trovo eccitante e vedi quanto costa. Che ne sai magari ti fanno uno sconto. Ci sentiamo dopo. Baciiiiii ammmoreeee.”

17/3/2016 ore 13:02 +39 329 63XXXX: “Ciao sono un collega di Marco. Sicuramente ti avrà detto che ho chiesto il tuo numero. Ho saputo che lavorerai in un certo negozio. A me servirebbe un determinato articolo. Non sono a mio agio con i messaggi. A tal proposito ti dico che una volta inviato lo cancellerò (ti prego cortesemente di fare lo stesso). Poi ti chiamerò in modalità privata. Il mio nome è Nessuno. Una volta che avremo portato a termine la transazione ti sarei grato se cancellassi poi il mio numero, come io farò con il tuo. Grazie e a presto.”

A parte quei tre casi umani, che non conosco e neanche vorrei conoscere, io gli amici me li sono scelti, ma a questo punto mi devo preoccupare?

Ora com’è andato il mio colloquio? Allora questo venerdì tramite quella mia amica, che conosce un’amica, che a sua volta conosce un’altra amica che conosce a sua volta una persona che conosce un’altra persona, sono arrivato a sapere che in ultima battuta siamo arrivati in due. Ho saputo che la proprietaria mi ha trovato fresco, dinamico, simpatico e con ottime doti comunicative. Ha tentennato fino alla fine, ma poi ha optato per l’altro candidato. Perché? Perché l’altro era laureato. Le siamo piaciuti entrambi ma ha preferito dare quest’opportunità di lavoro all’altro per questa motivazione. Ora io che ho tolto i miei titoli di studi per fare questo colloquio cosa ho pensato quando l’ho saputo? Posso dire che il mio è stato un venerdì nero. Ho anche pianto per la rabbia. Come al solito faccio sempre cazzate ed errori e non riesco mai a perdonarmi. Ora non è che un lavoro part-time, fra cazzi e vagine finte, mi avrebbe cambiato la vita, ma forse avrei fatto un po’ meno l’acrobata per cercare di pagare le bollette, l’affitto e non mi sarei più svegliato, come spesso capita, con quella sensazione di sentirmi socialmente inutile. Il sabato invece ho cominciato prima a sorridere e poi a ridere rileggendo tutti i messaggi assurdi che mi sono arrivati. E domenica mentre scrivevo il pezzo per il blog su tutta questa vicenda ho avuto la certezza di due cose. La prima? Io della vita non ho proprio capito un cazzo. La seconda? Ripensando a come tutto si è concluso, direi che con lo sconto o senza, il dildo al culo l’ho preso io.

010Questa è la foto che quel troglodita mi ha inviato. No comment! Grazie ai miei amici che mi hanno autorizzato a pubblicare i loro messaggi. E nessuna offesa da parte mia per quelli che non mi hanno autorizzato a farlo. Tranquilli, lo so che non volevate che scrivessi su questo blog i dildi vostri.

Annunci
Standard

36 thoughts on “ME LO PRENDI PAPÀ?

  1. Mi spiace. Immagino che ormai non sarebbe servito nemmeno dire alla tipa che tu eri anche più qualificato. Che nervi.

    Passando ad una battuta:
    Fammi capire, ancora non lavoravi dentro e già ti chiedevano sconti??
    Anche dei perfetti sconosciuti?? Certo che la gente ha proprio una gran faccia tosta!
    Oppure sono un’idiota io che non amo chiedere.

    Liked by 1 persona

    • Sarei stato poco credibile se le avessi detto a posteriori dei miei titoli e poi la proprietaria aveva scelto l’altro, non credo sarebbe stato corretto nei suoi confronti. Sui messaggi diciamo che loro sono stati molto ottimisti in merito. Il colloquio in effetti era andato bene . E per loro sembrava strano vedermi in un sexy shop…. sui tre casi umani lasciamo perdere …va ….;-)

      Liked by 2 people

  2. Potevi far leggere tutti i messaggi alla proprietaria del negozio!!! Ha perso anche un sacco di clienti non scegliendoti!!!!!
    Nel mondo del lavoro non si capisce più un ca…… gira tutto al rovescio, (ora che ci penso…non solo nel lavoro!) ma tu non ti arrendere mai!!

    Liked by 1 persona

  3. Beh innanzi tutto auguri per il nuovo impegno, che leggo già iniziato….
    Riflettevo sulle richieste e di quanto le persone, ancora oggi, siano “timide” nel chiedere o entrare in un “secsy scioppy”…

    un saluto
    .marta
    (fate anche spedizioni? :D:D:D)

    Liked by 1 persona

    • I miei amici sono partiti in quarta … manco la Ferrari …, e comunque venerdì hanno avuto tutti sensi di colpa tanto da intasarmi whatsapp, però sarà che non li conosco ma quei tre soggettoni sono da standing ovation!!! W l’Italia 😀 Grazie Marta …

      Liked by 1 persona

  4. “senti scusa volevo dirti che se mai ti troverai davvero a lavorare in un sexy shop io verrò a trovarti perche non ci sono mai stata e sono curiosa” 😁
    Vabbè dopo sta scemata…
    E che ghez! Ma te pareva che uno non ci coglie mai…. Guarda una rabbia…. È diventato un macello.
    Ma tu sei cosi bello e positivo e non devi mollare…. Pian piano…. Davvero orsotto!

    Liked by 1 persona

  5. Nicole ha detto:

    Mettiamo da parte lo sbatto per non essere stati scelti. Mettiamolo da parte perchè ormai non possiamo farci niente, magari quell’altro candidato ruberà i completi in pizzo leopardato per le amiche e i piselli di gomma multicolor per gli amici degli amici che non sono ricchioni ma gli piace prenderlo nel culo e ti richiamerà. Si lo so, sono ingenua.
    MA MI SPIEGHI COME VIENE IN MENTE A DEGLI SCONOSCIUTI DI SCRIVERTI PER CHIEDERTI FAVORI? Adesso scendo al bar di sotto e chiedo a uno degli avventori se mi va a far la spesa che io stasera non ho tempo. Non sono pigra eh, è per una mia amica che lo ringrazia tanto.

    MA BOH

    Liked by 2 people

    • Nicole perchè la gente sta fuori di testa!!! Io me accorgo anche sui mezzi pubblici a Roma … non mi dire che dalle tue parti non ci sono 😉 E comunque i tre soggetti sono davvero casi umani ….

      Mi piace

      • Nicole ha detto:

        Ma casi umani gravi eh.
        In tutto questo qualcuno (non i casi umani che poverini… lasciamo perdere) ti ha chiesto com’è andata e soprattutto come stai?

        Liked by 1 persona

      • Sìì. I miei amici sono fuori da capoccia certe volte ma poi sono stati carini. Venerdì mi hanno scaricato il telefono e bruciato un orecchio a furia di stare attaccato alla cornetta. Un po’ li ho tenuti sulle spine, ma poi mi è passato (non del tutto), più che altro è la mia situazione che ha alti e bassi …. anche se cerco di riderci sopra. tu invece come stai??? Come va la dieta?? E il resto?

        Mi piace

      • Nicole ha detto:

        Io vorrei buttarmi sotto un treno ma siccome lo vorrei quasi tutti giorni posso dirti che sto bene 😀
        La dieta fa per la sua strada e io vado per la mia, AHAHAHAHAHAH

        Liked by 1 persona

  6. beh ho riso tanto tanto e riflettuto tanto tanto e mi è piaciuto leggerti. il tuo modo ironico e simpatico e nello stesso tempo lo specchio amaro di una situazione difficile…. ma come si fa a non rileggerti ancora e ancora?e a non fare il tifo per te……
    ci sarà un altra possibilità vedrai e forse poi non tutti i mali vengono per nuocere….
    notte☺

    Liked by 1 persona

  7. Romeucciooooooo…… Se io ti faccio una proposta è veri che tu mi dici di siiiii….
    Fai finta che ti sto guardando con gli occhioni grandi grandi piu grandi della testa come li hanno alcuni peluchea che soNo tutti occhi……
    Daltronde mica puoi far soffrire giulietto…. 😁

    Liked by 1 persona

      • 😁😁😁😁
        Ma che n9n te l’ho scritto alla ine che é? Ma sarò rincojonita! 😨😅
        Ahah pare na proposta indecente! 😁
        Ti posso intervistareeeeee? Ti mando le domande tramite mail, tu Mi rispondi semre tramite mail e poi le pubblico! Gia ho fatto sto gioco con un altro mio amico di blog mesi fa e ci siam scompisciati….
        Pero mi devon venir in mente domande carine… E sto in fase spentocervello! 😁
        Se non vuoi fa nulla eh! Non ce fa caso agli occhi grandi! 😁

        Liked by 1 persona

      • Evvivaaaaaaaa! Vedi a chiamarsi giulietto! Mo riaccendo il cervello e poi provo a far domande degne di un romeo orsotto! 😁 Appena le trovo te le mando! Grazieeeee! Bacini e buona giornata tesò!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...