Uncategorized

CORRI, CORRI, TOPOLINO

“E chissà come sarà lui domani” (Futura, 1980 – Lucio Dalla)

Peso: – 100 gr

Il centro estivo dove lavoro in estate è un posto davvero speciale. Spesso raggiungiamo la cifra dei 120 bambini a settimana. L’associazione per cui lavoro ha vinto un bando con il municipio che fornisce una convenzione per i servizi sociali, per cui spesso oltre ai privati che pagano per portare i figli al centro, ci sono famiglie con problemi economici e figli disabili (italiani e non). In questo centro c’è veramente chiunque: bambini sulla sedia a rotelle, autistici, ritardati e poi nigeriani, cinesi, peruviani, colombiani, pachistani, russi, albanesi, polacchi e chiaramente italiani. Eppure a fine giornata resto sempre meravigliato di una cosa, dal senso d’integrazione che i bambini hanno e che dovrebbero insegnare agli adulti. Il nigeriano che in romanaccio dice al colombiano: aò parla italiano che nun te capisco! O il cinese e l’italiano che si abbracciano dopo una partita a calcetto e che urlano: forza Totti! Forza Roma! O il bambino che non prova nessun disagio nel vedere un disabile imboccato perché non è in grado di farlo da solo. In questo centro estivo c’è il mondo. C’è quell’umanità che non c’è nel mondo. Forse il mondo lo dovrebbero governare loro.

In queste ultime due settimane mi sono occupato di un bambino russo di 4 anni, adottato due anni fa da una coppia italiana. Il rapporto è 1 a 1. Stavo sempre con lui. La diagnosi non è ancora del tutto accertata. Non parla, non è in grado di comunicare se non con pizzichi (quando non vuol fare qualcosa o prova fastidio) o quando struscia la testa contro la mia barba non fatta, per dirmi che è felice. Fischia e schiocca la lingua. La cosa che ama di più è l’acqua, e noi abbiamo usato una piccola vasca a forma di tartaruga. Voleva sempre che stessi in ammollo con lui e con un piccolo annaffiatoio gli versavo l’acqua addosso. Vederlo così felice era un po’ come leggere una poesia di Emily Dickinson. E devo anche dire una cosa: cazzo, quanto m’ha fatto correre! È stato il mio tapis roulant umano. Avrebbe seminato pure Speedy Gonzales. Dovevo avere 400 occhi perché rischiavo di perderlo. È riuscito a trovare una connessione solo con un altro bimbo, anche lui di 4 anni. Un bambino che abbiamo chiamato Billy Elliot, perché ama ballare, e a ogni canzone era dietro di lui che cercava di imitarlo.

Venerdì è stato il suo ultimo giorno. È arrivata la madre che prima di prenderlo e portarlo via ha cominciato a piangere. In virtù di una certa confidenza che ha con noi, che lavoriamo ogni estate al centro, ci ha confidato che era incinta. A quasi quarant’anni, dopo quindici anni di matrimonio e tre tentativi andati a vuoto d’inseminazione artificiale. Era scioccata, incredula e felice. La natura è bizzarra. È successo mentre stava effettuando i preparativi per un trasloco, perché adesso cambierà città e quindi questa è stata l’ultima volta che l’abbiamo vista, insieme al nostro topolino. Ci ha confidato che si sentiva una mamma imperfetta, perché il figlio che portava in grembo non sapeva se sarebbe riuscita ad amarlo nello stesso modo del bambino che ha adottato. La coordinatrice del centro l’ha abbracciata. Sei solo spaventata. Ci riuscirai eccome, le ha detto.

Poi è arrivato anche il padre di Billy Elliot, un avvocato che ha cominciato a chiacchierare con la coordinatrice. Io, il topolino e la mamma eravamo lì vicino.

Lui: “Tutto bene con mio figlio vero?”

La coordinatrice: “Certo tutto bene.”

Lui: “Ma secondo lei mi devo preoccupare?”

La coordinatrice: “E di cosa? È un bambino sano, intelligente e simpatico.”

Lui: “E che gli piace ballare, cioè balla sempre, pure a casa.”

La coordinatrice: “E allora qual è il problema? Che gli piace ballare?”

Lui: “Cioè dico secondo lei è dell’altra sponda? Cioè forse è gay? Mi devo preoccupare? Non si può fare qualcosa secondo lei?”

La coordinatrice l’ha guardato come se avesse visto un gigantesco alieno scendere sulla terra con un’astronave e ballare la lap dance con un obelisco. A quel punto io mi sono allontanato. Non ho più sentito la loro conversazione. Non so dire se ero più a disagio per lui o per la mamma del topolino. Lei che ha voluto a tutti i costi essere madre, decidendo coraggiosamente di adottare un bambino con un handicap, un bambino che non è in grado di dire mamma, di spiegarti se ha mal di testa o di pancia, che non sa scartare una caramella, che non si sa come sarà il suo domani. Forse se fossi padre mi piacerebbe avere solo la certezza di sapere che un giorno mio figlio incontrerà qualcuno che tratterà con rispetto il suo cuore.

Comunque il topolino mi ha fatto due regali il suo ultimo giorno. Il primo è che dopo due settimane sono riuscito a farlo dormire. Pur non avendo le tette, che invece cercava dalle mie colleghe, l’ho cullato facendolo sedere sulla mia panza e ha funzionato. Ed è stata una sensazione meravigliosa. Il secondo regalo? Mi ha cagato addosso per ben tre volte, che manco i pannolini sono riusciti a contenere tutto il suo prodotto. L’ultima, infatti, mi ha lasciato una sgommata sulla maglietta, che porca puttana neanche nei rally sono così marcate. Posso tranquillamente dire con un certo grado di ragione che è stata proprio una giornata di merda! Eppure dopo i miei smadonnamenti, dopo che le scorie di un campo di prugne mi hanno inondato, dopo averlo lavato, mi riconquistava di nuovo nel momento esatto in cui veniva con la sua manina a cercarmi per giocare. Mi avrebbe riconquistato anche se mi avesse cagato addosso cinquecento volte. Come si fa a non affezionarsi a un essere così indifeso.

E la giornata poi è finita. I saluti mettono sempre una certa malinconia, e salutare il topolino per sempre ancora di più. Anche se alla fine di ogni giornata del centro estivo, metterei tutti i bambini in un frullatore, ma proprio tutti, mi ritengo politicamente corretto: dai nigeriani agli italiani, dai bambini con handicap a quelli senza, dai cinesi ai peruviani. Io alle 17 ero distrutto, non mi sarei alzato dalla sedie neanche se mi avessero fatto una trasfusione di vitamine e manco se fosse arrivato Brad Pitt a dirmi: Rom trombiamo? Perché gli avrei detto: aò Brad ma vaffanculo te e tutti i figli tuoi! Ma come fanno i genitori? Si ricaricano con il sole o hanno un caricabatterie perennemente conficcato nel culo?

Bisogna dire che quel topolino non sa quanto è fortunato perché ha una mamma imperfetta, com’è stata la mia nei suoi anni di lucidità, come lo sono tutte le mamme. Nella sua imperfezione si dimenticherà qualche volta di mettere la merenda nello zaino; magari darà una sculacciata al figlio non tanto perché ha fatto una piccola marachella, ma soltanto perché era nervosa; brucerà qualche torta; non capirà mai del tutto le crisi del figlio; striscerà una macchina durante un parcheggio mentre lo accompagna a scuola e per colpa del lavoro, non sempre avrà il tempo di giocarci insieme. Eppure sarà perfetta in un’unica cosa, sa che quel topolino sarà sempre e solo suo figlio, senza nessun codice a barre che lo identifica in qualcos’altro.

E poi sono tornato a casa e al ritorno devo prendere 3 autobus, ma venerdì ne ho presi 4. Sì, perché sul primo mi sono addormentato e sono dovuto tornare indietro. Sono settimane faticose per me, e credo che sia arrivato il momento di fermarmi. Sento il bisogno di andare via per un po’. Continuerò la mia dieta e a leggere i blog che seguo. Promesso. Non è solo la stanchezza a farmi fermare, ma un evento che è successo a maggio che mi ha mandato in crisi e su cui continuo a rimuginare, e che più di una volta mi ha fatto tentare di chiudere il blog, ma che amici e commenti vari mi hanno indotto, per ora, a non farlo. Forse un giorno ne parlerò, magari a settembre. Quando dovrei ritornare a scrivere della mia banalissima vita. Chi lo sa. Ora preferisco isolarmi un po’ e seguire idealmente il mondo del topolino. C’è stato un attimo venerdì che ho pensato a quanto sarebbe bello essere anche un solo giorno nel suo mondo. Un mondo di giochi in una vasca a forma di tartaruga, di pizza bianca, senza kamikaze nei telegiornali nazionali, senza parole, ma solo fischi e pizzicotti, senza pregiudizi, senza capire che cos’è la malattia, senza sciacalli sui social network, senza barconi che affondano con gente che muore in cerca di una speranza. Magari un mondo sulla riva del mare, tra gli umori del bagnasciuga, con la crema solare protezione 50 per proteggere pelle e chiappe, perso tra le pagine di un libro, mangiando albicocche e fischiettando giro giro tondo.

027 CORRI, CORRI, TOPOLINOL’orso e il topolino. Buona estate. Se Dio vuole ci si risente a settembre. Grazie a tutti.

Annunci
Standard

111 thoughts on “CORRI, CORRI, TOPOLINO

  1. EM ha detto:

    Caro Romeo, degna conclusione per questa pausa estiva. Approfitto del blog per rivolgere un pensiero a quella parte di mondo fatta da bambini speciali.. e dai loro genitori, combattenti coraggiosi. Un grazie anche a tutti voi operatori!

    Liked by 3 people

  2. Prendi tutto il tempo che desideri ma torna. Non è retorica, sono sincera quando dico che tutti perderemmo molto se tu non tornassi.
    Hai sperimentato la paternità, hai messo a dura prova la tua resistenza fisica e mentale, sei cresciuto anche tu nella consapevolezza di essere un uomo imperfetto e perciò stupendo. Sì è così, non esagero e poi lo penso e basta! Un abbraccio mio caro, un arrivederci carico di affetto.

    Liked by 1 persona

    • Eccmi buonissima Mela. Finalmente un po’ più libero. Ho terminato le traduzioni, finalmente!!! Ora ho davanti un agosto al centro estivo e con mia madre. Ma sento davvero il bisogno di fermarmi, scrivere è già faticoso, raccontarsi lo è ancora di più. Almeno per me. E sul quello strano concetto di paternità beh è vero …sono io che abbraccio forte te. Comunque ora almeno la sera avrò tempo per rimettermi in pari con i blog che seguo 😉 ❤

      Mi piace

  3. Quanto sarebbe bello il mondo se c fossero solo persone come te. Ma va bene cosi con il suo male perche senza male non c’è bene. Tutto cio che rimane da fare e riconoscersi tra simili e fare la cosa giusta. Senza smettere mai. Quindi avanti cosi. Non mi mollare. Bellissimo post. Baciottone

    Liked by 2 people

    • Eccomi Manu …. il mondo di persone come me? mmmm .. sono un cacacazzi pieno di spigoli 😀 comunque grazie. Adesso che ho terminato il mio lavoro di traduzione posso rimettermi a leggere i pensieri tuoi zen, che sai che mi piacciono tanto e alcuni li copio anche sul diario!! Ehhh questa mia adolescenza non finisce mai 😉 bacio a te

      Liked by 1 persona

  4. USSantaPeppaPeppinamanonquellascemadiPIg!!… quante cose hai tirato fuori, un vortice di emozioni e sensazioni dal sorriso alle lacrime…
    Prendi il tempo che occorre, il fatto che esisti renderà il non poterti leggere meno pesante da sopportare, perché sapere che esiste la Bellezza è già un’ottima soddisfazione! ❤
    Quando tornerai sarà col botto, lo so!
    ( soprattutto tornerai… perché se t'azzardi, ti vengo a prendere e ti buco i calzini!!… no, così è troppo… diciamo che avrai a che fare con la mia furia coccolorabbiosa, più coccolo che rabbiosa trattandosi di te)
    Buon distacco, che questo tempo ti sia lieve
    ( ricordati che se e quando serve un folletto che aspetta solo di mandarti abbracci lo puoi trovare…)
    :-*

    Liked by 1 persona

    • Oh mia Tati, sai che per alcuni di voi ho un debole e tu sei tra quelle! Ho terminato il lavoro delle traduzioni, ma mi aspetta il centro estivo e mia madre. Quindi la mia estate sarà ancora piena. Ho scaricato quell’arcobaleno che mi hai inviato e spero davvero di trovarci qualcosa sotto, io spero un cambiamento della mia mia vita. Sto cominciando a guardare anche all’estero, forse è il caso che alcune radici cominci a sradicarle … dai mi sforzerò per ricaricarmi ed esserci a settembre ❤

      Mi piace

  5. Mi hai fatto commuovere, per tutte le cose belle e vere che hai scritto, come sempre d’altronde. Spero davvero di rileggerti a breve!
    E la tua, come descrivi tu stesso, non è affatto una vita banale, ma ricca di cose ed emozioni intense e meravigliose!
    Un abbraccio forte!!!!

    Liked by 1 persona

  6. Non fa nulla se mi fai piangere sempre, avrei voluto piangere anche per tutto Agosto, ma ti capisco ed é giusto che tu ti prenda la pausa che meriti…ti auguro un’estate piena di belle sorprese, soprattutto di incontrare qualcuno bello come il sole (o come quello che ti pia ace dei Sopranos che non mi ricordo come si chiama perché é una delle poche serie che non vedo!) che capisca quanto sei speciale e che non voglia più lasciarti andare! Per fortuna mi ero lasciata ancora qualche tuo post arretrato da leggere e spero di riuscire a sopravvivere a questo Agosto senza i lunedì dell’orso, però non fare scherzi che a settembre ti rivoglio qui, dovessi anche scrivere mentre zompetti su un bagnasciuga, fischiettando giro giro tondo, mano nella mano con il tuo strafigodapaura, ci devi aggiornare, promettilo! E ora basta se no ricomincio a piangere…buone vacanze FantasticOrso! <3<3<3

    Liked by 1 persona

    • Leggo di persone che si sono cmmosse. Mi spiace, ma giuro che quando scrivo non penso di commuovere, o di far ridere, sento solo il bisogno di raccontare. E comunque magari trovassi il mio James Gandolfini (The Sopranos)… però un po’ più in salute di lui, però pure tu sai che in giro ci sono troppi fake umani 😀 E comunque grazie come sempre presa blu ti lovvo iu!!! E …. prometto!!!!

      Liked by 1 persona

      • Rom tu sei sempre come sei…é per questo che ci emozioniamo con te perché ciò che racconti ci arriva dritto al cuore senza filtri…se tu fossi un fake come quelli che girano de sti tempi non saresti mai riuscito ad entrare in tanti cuori. Il Gandolfini che ti auguro é bello anche dentro, ovvio, niente fake! É il minimo che ti meriti…e cmq sappi che dopo tanta commozione, la promessa che ti ho strappato mi ha riempito di gioia! Buona estate, Rom ❤
        Ps. Al momento sono entrata in fissa di brutto con Outlander…la segui? Mille smuack!

        Liked by 1 persona

      • Outander…. nooooo!!! Ho letto i primi tre libri e ho visto già tutte e due le serie. E’ l’unico telefilm che mi sono concesso di vedere in questi giorni di lavoro intenso. Ora che lavoro solo al centro estivo mi posso dedicare ali miei telefim. Ahò Jamie è un gran pezzo de gnocco no? 😉

        Liked by 1 persona

      • Aye!!!! sono pazza di Jamie e del suo gaelico…quando dice Mo nighean donn mi sciolgo come un Calippo a Ferragosto!😍😍😍 stavo pensando anch’io di comprarmi i libri, ma non so se prima finire la prima serie almeno…ma tanto sono già alla 1×13 quindi manca poco…purtroppo! Credo che non resisterò e mi sparerò anche tutta la seconda!

        Liked by 1 persona

      • Allora sulla secondastagione ti avverto (un po’ come i libri). La prima metà stenta a decollare, ma non preoccuparti perchè poi dalla seconda metà riparte alla grande e il finale è con il botto 😉 Tra l’altro è stata già rinnovata per una terza e quarta stagione. Jamie non sarà un bear, ma mi farei rivoltare come cicoria in padella da lui

        Liked by 1 persona

      • Ahahahhahahah e te capisco! Pure a me in genere non piacciono con il viso così angelico e da ragazzino, ma lui davvero mi ispira…profondamente, moooolto profondamente!!! Ha quello sguardo…per non parlare del fisico…OMG…e poi anche il personaggio…é l’uomo perfetto, così perfetto che poteva esistere solo in un libro o in una serie tv! Con il finale della seconda stagione mi hai incuriosito ancora di più , già so che non resisterò…

        Liked by 1 persona

      • Jamie …. e poi è romantico senza essere stucchevole. Come al solito col cazzo che si trovano nella realtà ‘sti uomini. Io appena finisco di leggere il libro che sto leggendo continuo con la saga. Come al solito non ci regoliamo noi …ho abbuffata o niente 😀

        Liked by 1 persona

      • La prima puntata è figa! E’ una via di mezzo tra ET, i Goonies, e il meglio deglianni 80. Poimi dici che ne pensi te. E dimmi poi di Outlnader e preparate anche al finale della prima stagione ….. tostarello in alcune scene!

        Liked by 1 persona

      • Rom, ho dovuto mandarle avanti veloce leggendo ogni tanto i sottotitoli…sono davvero troppo impressionabile e sapevo che non avrei retto…tant’è che nonostante ciò, sono rimasta turbata lo stesso e per non rischiare di passare la notte insonne ho “dovuto” vedermi altre puntate per tranquillizzarmi…non perché io sia diventata dipendente da Outlander eh, era solo per tranquillizzarmi!!! Fatto sta che ora siamo in France, tutto di certo più noioso, ma va molto meglio…trés bien…anche solo vedere la faccia di Frank a inizio stagione mi era diventato insopportabile, preferisco di gran lunga una ceretta integrale all’inguine!😁😁😁 e poi mi basta guardare il sorriso di Jaime perché il mondo, il nostro e quello telefilmico, torni ad avere il suo senso!!! 😝

        Liked by 1 persona

      • Esatto, oramai li associo troppo (Frank e Black Jack) e al di là del fatto che l’attore che li interpreta é lo stesso (bravissimo, accidenti!) anche Frank non lo posso più vedere e comincio a pensare che qualcosa del suo antenato, seppur in minima parte, deve esserglisi per forza tramandato nel sangue!😡

        Liked by 1 persona

      • Mi hai messo curiosità, infatti…poi ho un debole per gli anni ’80… Ma dimmi la verità, considerando quanto sono facilmente impressionabile, é vero che fa un pò cagare in mano, per usare un francesismo???😛

        Liked by 1 persona

      • Sono alla quarta … è fatto benissimo! e la colonna sonora è fantastica. Chiaramente lo vedo in inglese con sottotitoli in inglese, invece outlander l’ho viso con sottotitoli italiani (gli scozzesi parlano magnandosi le parole)

        Liked by 1 persona

  7. Billy Elliott è in assoluto il mio film preferito, la scena finale col padre che si commuove all’entrata sul palco del figlio sono lacrime da litro….
    Consiglierei al padre del bimbo ballerino di dargli delle compresse di etero-xin 200mg, guariscono anche i gay più resistenti, e per lui padre invece una bella notizia le compresse di rincoglionin 800mg che prende lui sono ora disponibili anche in gocce…..
    Sai come si dice no? Chi ha il pane non ha i denti, sto vivendo questo detto con una pesantezza e depressione che non riesco quasi più a gestire…..
    Dopo aver letto la tua ennesima pagina di vita colorata, appassionata, difficoltosa, generosa ma incredibilmente poetica pur nella sua imperfezione mi ritrovo qui seduta a pensare, a pensare a come tenere vicine le persone a cui voglio bene, a come allontanare i pensieri tristi, a come migliorare ogni giorno…..
    Sei una grande ispirazione Romeo, il tuo essere così diretto e sincero senza mai perdere umanità e quella sensibilità graffiante che ti appartiene sono a dir poco emozionanti, un giro sulle montagne russe per ogni cuore che si ferma ad ascoltarti….
    Guardati attorno, nessuno qui ti lascerebbe chiudere questo angolo di paradiso, ci aggrappiamo con forza al tuo coraggio, ironia e dolcezza, credo tu sia il motivo per cui un buon 98% di persone apre gli occhi in lunedì…..
    E poi ricorda che la mia minaccia di venire a tirarti i pacchi di fiesta sulla finestra è e rimane sempre valida……
    Ti abbraccio forte Romeo, ma non pensare troppo, io che sono laureata in rimuginologia ti ricordo, posso garantirti che pensare troppo non porta a grossi risultati, men che meno cambiamenti….
    Baciotti!

    Liked by 2 people

    • Grazie Fra. Billy Elliot è piaciuto anche a me. Sei tra quelle che adoro seguire e leggere, soprattutto per la dose di ironia che ci metti dentro (ed è per me una delle più belle qualità che amo nelle persone). Poi sei sempre stata particolamente buona con me.. e in futuro abbiamo una lasgnata vegetariana insieme 😀 adesso la sera ho un po’ più di tempo e devo leggermi i blog che ancora non ho letto .. un beso grande a te. Come ho detto ad altri … prometto che a settembre mi impegno a tornare!

      Liked by 1 persona

      • Romeo, io ti voglio bene perché sei come sei, senza mezze misure o finzioni di sorta sei una bella persona ma ho un container frigo di fiesta, non ci provare eh? Fredde ti fanno saltare tutti i vetri…
        L’estate e sempre stata per me una stagione difficile da affrontare, per motivi sconosciuti mi fa deprimere un po, sento il peso della solitudine e della tristezza….ma poi i colori dell’autunno mi scaldano di nuovo il cuore, Romeo non farmi mancare i tuoi di colori!

        Mi piace

      • Pensa che io il contrario. Amo l’estate ma non il caldo, ma mi piace la città perchè si svuota e sento che c’è vita (che magari dentro di me non sempre trovo), mentre amo i colori dell’autunno, ma non i suoi umori. Comincio ad andare in letargo. Ecco che ‘so un orso :-/ ma prometto che qualche calzino autunnale lo troverò 😀 e grazie per le tue parole …. io mi sensibilizzo come dice AlessiaLia 😉

        Liked by 1 persona

      • Io e il caldo siamo su due pianeti opposti….Certo abitando in un piccolo paesello io tutta sta grossa differenza di persone non riesco a viverla, sarà forse anche questo che mi manca?
        Non saprei direi, sono una persona strana, assurda e molto particolare quindi non escludo alcuna possibilità, e lo stesso dovresti fare tu alla fine il blog è una piazza dove incontrarsi con un bicchiere di birra e chiacchierare un pò tra amici, sarebbe un peccato cercare gli amici nella piazza e non trovarli più, ti pare?

        Liked by 1 persona

      • Hai ragione anche te Donna Francisca …. e sull’essere una persona strana, assurda e molto particolare, benvenuta nel club 😉 questo è il posto in cui ci si diverte di più e si sta bene con l’altro 😀

        Liked by 1 persona

  8. Nicole ha detto:

    Ciao Rò, ti auguro di passare un’estate serena, piena dei frutti che hai seminato inconsapevolmente a destra e manca, vuoi per i tuoi tanti lavori, vuoi per il blog, per i giri turistici del lunedì, le serate con Emma, il cinema, i tuoi diari, gli sms che mandi pensando “sono un minchione” ma che in realtà fanno sorridere i cuori di chi li riceve.
    Sappi solo che a settembre compio gli anni, quindi una foto dei tuoi calzini autunno/inverno non me la puoi negare.
    Un grande abbraccio :*

    Liked by 1 persona

  9. Anche se ogni tanto mi perdo qualche post ti assicuro che adoro leggere della tua vita. Di banale non hai proprio nulla!!!
    Lasciatelo dire da una mamma imperfetta..ma proprio imperfetta imperfetta!!
    Sto contando i giorni, a mò di prigioniero, che mancano all’inizio della scuola del mio pargolo ventunenne!!! Ti assicuro che talvolta le batterie non si ricaricano più!!! Viaggio tutta l’estate con la carica bassa in attesa di riuscire verso fine settembre ad arrivare almeno un volta al 100%

    Liked by 1 persona

  10. (Ri-)Prenditi il tuo tempo, ricaricati corpo e anima… però poi torna qui sul tuo blog. Ti rendi conto che se ci fai uno scherzetto potrebbe esserci una sommossa, vero? E tu questo non lo vuoi, lo so. Il tuo blog (cioè tu) è stata una scoperta meravigliosa: hai uno stile (cioè sei) che… Beh, vedi in profondità nelle cose, e nelle persone… e perciò anche in te stesso. E non ti fai problemi a mettere in mostra quello che ci trovi, bello o brutto che sia. Porti fino a noi prosa e poesia, spigoli e morbidezza… il sublime e la merda, si potrebbe dire. E riesci sempre a trovare un appiglio comico, che non significa (affatto) leggerezza…
    Abbi un buon tempo, e poi torna. Ripeto: torna. 😉
    Ogni bene Ro 🙂

    Liked by 1 persona

    • E’ vero che sono emotivamente instabile in questo periodo (da più o meno quarant’anni), ma mi hai fatto commuovere Ivano. Grazie. E adesso che ho un pochetto più di tempo la sera, non vedo l’ora di leggere i post di alcuni di voi, tra cui i tuoi racconti …. e grazie ad AlessiaLia. E’ stata lei che mi ha fatto scoprire il tuo blog, con ottime cose da asporto. Ogni bene a te .. oramai ‘sta citazione sta diventando un po’ mia 😉

      Mi piace

      • Ma grazie a te, basta leggere i commenti per capire il tuo impatto…
        e grazie ad Alessia, certo, è la sua intervista che mi ha convinto a sbirciare qui da te, peccato che ora non abbia più tempo per fare un po’ del suo solito casino chiassoso in giro 🙂
        Ah, pure l’ogni bene è da asporto, fa’ come se fosse tuo 😉
        Ciao ciao 🙂

        Liked by 1 persona

  11. eh…. e come se ti capisco quando dici che cvorresti abbandonare tutto… compreso il blog…
    e se davvero davvero trovi quell’angolino di mondo mi ci porti con te???? giuro che faccio la brava…
    ecco, anche a dire questo, vedi che mamma imperfetta sono? ce lo dicevamo l’altro gg su fb… ci sono quelle donne tutte perfette…. sempre sull’attenti a cui non sfugge nulla e sempre in tempo… io vado sempre per uno… esco benino e torno macchiata, scapigliata, incispolata… ma pecchè? pure al mare… tutte perfettine sul lettino… io sempre sporca di sabbia e dentro le buche o ai castelli sto…
    ma come si fa a essere mamme perfette?
    mo non so che ti è successo a maggio… ma se qlc ti ha offeso, lo stupido è lui…
    a presto ro!
    ps… ma mica mi abbandoni eh???

    Liked by 1 persona

    • Non. Prima di tutto non ti abandono. Hai anche il mio cellulare. Tocca trovare solo il tempo per vedersi. Ora finalmente ho terminato il lavoro di traduzione, ho “solo” il centro estivo e mia madre per agosto 😀 E poi io t’immagino perfetta nella tua imperfezione :-). Sulla questione di maggio non è una persona, ma un’offerta che ho rifiutato e mi ha messo in crisi, perchè ho pensato di non essere in grado di fare. Sai com’è … l’autostima a volte fa un po’ di danni 😉

      Liked by 1 persona

      • Guarda dopo quanto ti rispondo…. Che vergogna… Tempo fa n9n sarebbe mai passata piu di nezza giornata… Sto wp boh! Bah!
        Vabbe che tanto ci sam parlat lo stesso!
        Ma sai che ho imparato… Che le pefezioni son proprio le imperfezoni…
        E le cose che crediamo di non poter fare son solo nella ns testa… Vedrai che arriverannoa ltre proposte e sarai piu preparato… Chissa se mi legi tesö?

        Liked by 1 persona

  12. luminariasprecata ha detto:

    Vorrei che l’umanità che ci circonda somigliasse a te, alla tua anima bella e candida, alla tua meravigliosa imperfezione, a quella saggezza di chi va dritto al cuore delle cose e ti conquista col suo esserci, con i suoi occhi liberi da paure e pregiudizi. Prenditi del tempo per te, per ricaricarti, ma, per favore, non andare via. Non sai quanto bene faccia leggerti, a volte è balsamo su ferita, altre luce tra le tenebre. Mi restituisci fiducia negli uomini. Mi dai motivo di credere che là fuori ci siano ancora belle persone che seminano umanità e bontà. Ho bisogno di sentirti, di tessere trame e intrecci, di circondarmi della tua bellezza. Il nostro è solo un arrivederci.
    Ti abbraccio forte.

    Liked by 1 persona

    • Tu mi lasci senza parole. Già l’hai fatto l’altra volta al tuo ultimo post (anche se adesso che ho più tempo devo recuperare la mia settimana di assenza)… e quindi ti dico grazie. Davvero. E sì …dai m’impegno affinchè sia davvero un arrivederci. Ricambio abbraccio.

      Mi piace

  13. L’essere gay è visto come una disabilità perché non guardiamo la persona, ma ciò che rappresenta, secondo i pregiudizi con cui siamo cresciuti. L’essere intelligenti e generosi quindi non basta, se non si è capaci di pensare con razionalità. Purtroppo ci vorrà ancora un po’ prima che questo possa avvenire…
    Ti voglio bene, lo sai, ma ti stimo soprattutto, e ti leggerò sempre perché mi stai dando tanto. Ti aspetto!

    Liked by 1 persona

  14. dolcissimo meraviglioso romeo torno dopo una settimana in cui giuro avrei scommesso di non aprire più wp….. ma tu…. la tentazione di leggerti…. troppo forte. sai… io sono assistente in una scuola materna e adesso che è chiusa facciamo il campo estivo….. passano davanti ai miei occhi come tu hai splendidamente spiegato dei mondi….. mamme e bimbi stupendi… tutti veramente speciali e unici…. e non è il mulino bianco… è vita bella e brutta ma vita vera. non saprei più farne a meno ho sviluppato una dipendenza dai bimbi…. credo siano più sensibili e attenti di tanti adulti messi insieme, una mano cve ti sfiora e che chiede maestra sei triste…. un nodo in gola e la consapevolezza che lei lui loro abbiano le risposte di tutto. come mi sono riconosciuta nel tuo sentire….. ho visto coi tuoi occhi……e sono mamma imperfetta quella che dà lo sculaccione brucia le torte e dimentica la merenda ma amo più di qualunque cosa i miei figli, essere imperfetto è un vantaggio…. si è umani e ci si può avvicinare a tutti con empatia. beh…. e adesso sapere che mancherai per un po’ mi rende triste Ro. ma capisco perfettamente…. io ho la tua stessa esigenza….. e se ogni tanto mi affaccio è per leggere i blog amati…. il tuo e quello di altre meravigliose anime. per cui….. che dire…..? ti abbraccio strettissimo e ti chiedo di mantenere la promessa! torna. ❤

    Liked by 1 persona

    • Grazie …. ho letto la mail, ma adesso ho un po’ pi di tempo per poter rispondere. La sera se non crollo qualcosa spero di fare … e sì il lavoro al centro estivo è faticoso, ma lo è quello di qualsiasi insegnante (maestre comprese) e i bambini sanno essere insopportabii, ma anche dannatamente meravigliosi capaci di insegnarti molte cose! Ti rispondo di là …e anche te dico che cercherò di non perdermi quest’estate e di mantenere la mia promessa. ❤

      Liked by 1 persona

  15. Ehi, Romeo, niente scherzi per piacere! Che non ti salti in mente di chiudere il blog o ti scateno contro le ire dei lipidi e colesterolo nonché trigliceridi ti assaliranno… 😛
    Ci si rilegge i primi di settembre.. intesi !?!?!? Ci conto ^_^
    (Ti prego non chiudere, scrivi divinamente bene. Pochissimi come te riescono a farmi luccicare gli occhi dalle risate o dalla commozione con eguale intensità. E poi leggere le tue riflessioni, aiuta a trovare il buono in questo mondo così… grigio).
    Bisou sur le nez 😉

    Liked by 1 persona

  16. No, va bè… allora dillo che vuoi farci piangere ogni volta!!
    La sai una cosa? Uno dei miei prof alle superiori mi ha insegnato che chiunque tu conosca, anche solo per un secondo, chiunque incroci la tua strada, cambia inevitabilmente la tua vita. Solo il fatto di poter trascorrere tempo con quella persona ti dona inevitabilmente qualcosa che prima non avevi. E allora penso che sì, il topolino abbia dato molto a te, ma che anche lui se ne vada con un bellissimo ricordo nel cuore e inevitabilmente non sarà più lo stesso.
    Buona pausa, buona estate!

    Liked by 1 persona

  17. Un abbraccio meraviglioso e grande Ro! io mi perdo nei tuoi racconti di vita, che di banale non hanno nulla…questa vita è un misto di imperfezione, ricerca, tensione, amore, chiari e scuri e tu sai sempre regalare spaccati che sanno di buono e che nella fatica del camminare lasciano intravedere luci…le pause ci stanno, fanno bene!
    Ti auguro un’estate bella, ti aspetto, ti abbraccio…vorrei prima o poi poterlo fare dal vivo! marg

    Liked by 1 persona

    • Grazie Marge. Sarà un’estate divisa tra il centro estivo e mia madre, quello che sogno è solo un po’ di serenità. Con Chiara ci siamo detti che prima o poi voglio fare un salto a Torino. E’ una città che non conosco. Chissà magari … un giorno. Ti ricordo che Roma ti aspetta eh 😉 un abbraccio e buona estate anche a te

      Mi piace

  18. È settembre. Non per starti con il fiato sul collo, anzi prenditi il tempo che vuoi e di cui hai bisogno per te stesso, ma come posso evitare di scrivere ora una dichiarazione di affetto e stima assolutamente non formale dopo quanto ho letto qui? E non alludo solo al tuo topolino & C, bensì al mosaico di emozioni che sei e susciti.
    Io aspetto fiduciosa. Sappi che mancheresti moltissimo e che comunque vengo a stanare l’orso su fb. 😉
    Primula

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...