Uncategorized

SUL MURO

“Come vorrei tu fossi qui, siamo soltanto due anime perse” (Wish You Were Here, 1975 – Pink Floyd)

Peso: – 200 gr

Domenica 13 novembre Emma mi ha trascinato fuori casa. Aveva deciso che dovevamo assolutamente fare qualcosa. Dopo che abbiamo scartato il cinema, ha proposto di andare a vedere una mostra sull’amore, dal titolo LOVE, al Chiostro di Bramante. 13 € forse un po’ troppi per la mostra, carina, ma nulla di eccezionale. Quello che però ci ha fatto ammazzare dalle risate era la possibilità di poter scrivere sulle pareti con dei pennarelli colorati. Lì abbiamo cominciato a leggere e fotografare alcune scritte, che presto saranno cancellate da altre. Ed io a certi commenti ho aggiunto accanto un suggerimento agli autori della frase.

  • Frase: C’è sempre quella cosa che non ho capito di noi. Perché è finita? A.
  • Romeo: Non vorrei ferire i tuoi sentimenti A., ma difficilmente su queste pareti troverai la risposta.
  • Frase: Dio é contro le unioni civili.
  • Romeo: Sono ateo.
  • Frase: Perché mi hai lasciato? Adesso siamo due isole, ma costruirò un ponte per raggiungerti e quel mare diverrà il nostro terreno su cui camminare e diventeremo di nuovo una cosa sola, grazie al mio ponte le due isole diventeranno una sola terra. Anche se il mio cuore ancora urla perché mi hai lasciato, non mi arrenderò e quel ponte costruirò. Ma perché, dimmelo? Perché?
  • Romeo: Perché si è rotta i coglioni. Ma che stai ad aspettare il ponte sullo stretto di Messina? Alza il culo, vai sotto casa sua se tieni a lei e smettila di scrivere ‘ste cagate.
  • Frase: Salvini tu sei un grande. Sei il mio idolo. Hai capito tutto della vita. Dell’Italia.
  • Romeo: Lui ha capito dell’Italia esattamente quanto tu hai capito di questa mostra sull’amore.
  • Frase: In amore vince chi fugge.
  • Romeo: Ma ‘ndo cazzo vai?
  • Frase: Figlio mio chiunque amerai, che sia uomo o donna, spero tu sia felice come io lo sono con tua madre.
  • Romeo: Padre dell’anno.
  • Frase: Io dalla vita o capito che l’amore e una cosa da amare. Riccardo
  • Romeo: Ok Riccardo ama l’amore, ma sforzati di voler bene anche un po’ alla grammatica eh.
  • Frase: Mentre faccio l’amore con Luisa, penso a un’altra, cosa devo fare mostra sull’amore? Illuminami.
  • Romeo: Fai l’uomo, metti le mani nelle mutande, spulcia per bene, dovresti trovare due palle. Ti serviranno per fare una cazzo di scelta.
  • Frase: Carolina la chemio ha depilato la tua passera. Io così la trovo meravigliosa. Ti amo.
  • Romeo: Chapeau! Hai vinto. Vincerà pure lei. Tranquillo.
  • Frase: Tesò tu lo sai per me sei più dolce di un pompino. Saverio.
  • Romeo: Ungaretti te fa ‘na pippa. Ora deposita i diritti alla SIAE. Ci sono molti artisti che potrebbero copiare queste tue chicche d’amore.
  • Frase: Ma nella vita cosa conta più dell’amore?
  • Romeo: Il conto corrente. Fidate.
  • Frase: Qualcuno mi sa dire perché i ricchioni hanno il diritto di sposarsi? Marcello.
  • Romeo: Carissimo Marcello sono quelle domande senza risposte che ci poniamo nella vita. Io mi chiedo ad esempio: perché esistono i coglioni come te?
  • Frase: Amò con te la nostra storia è un grosso cazzo al culo, come posso soffrì de meno? Marika.
  • Romeo: Dolcissima Marika, poetessa underground, la vasellina potrebbe essere un inizio. Pensaci.
  • Frase: È vero ti ho tradito, saranno state trenta donne al massimo, te lo giuro, ma tutti gli altri giorni che ti ho amata? Questo non ha contato nulla per te?
  • Romeo: È vero non ho mai pagato le tasse dal 1986 al 2016, ma tutte le volte che ho timbrato il biglietto sull’autobus, non ha contato un cazzo secondo te?

C’erano un sacco di messaggi, la maggior parte talmente sdolcinati, da far alzare la glicemia a livelli di ictus, che neanche quattro punture di insulina avrebbero riportato a valori accettabili. Eppure una volta acquistato il biglietto, abbiamo dovuto attendere un’ora e mezza di fila prima di entrare. Tutti lì per una mostra sull’amore. È davvero questo il sentimento che sta alla base di tutto?

Sul muro le frasi non sono eterne, devono affrontare i cataclismi naturali, i vandali che le deturpano, nuove verniciate, agenti atmosferici. E nella vita questo complicato sentimento si deve difendere dalle lavatrici da fare, dai calzini da rammendare, dagli incontri inaspettati che mettono alla prova la coppia, dal mutuo da rinegoziare, dalle magliette sporche di rigurgito di latte. Quando leggevo tutti quei messaggi mi sono accorto che i più giovani scrivevano frasi melense, mentre quelli più grandi erano cauti e parchi nelle parole. Quanti anni devono passare affinché un grande amore giovanile si trasformi in un discreto compromesso? Siamo distaccati, fingiamo di non dare importanza a certe sentimentalismi, eppure quanti mangiano i baci perugina e poi per curiosità vogliono leggere il biglietto d’amore che vi è contenuto? L’amore dura fino a che morte ci separi o ha delle batterie che bisogna ricaricare di volta in volta? E soprattutto come e quando si ricaricano?

Ed eccoci lì io ed Emma. Due single, con storie diverse, ma davanti allo stesso portone. Ci siamo guardati e ci siamo detti: scriviamo? Cosa scriviamo? Dopo esserci sbellicati dalle risate, non avevamo voglia di essere ironici o di scrivere qualche frase. Alla fine abbiamo deciso di disegnare un banalissimo e anonimo cuore, mettendo i nostri nomi non all’interno, ma neanche all’esterno, ma sul confine tracciato. Anche se è impossibile programmare le cose, soprattutto quando non sono cerebrali, arrivati a una certa età, sappiamo che i piedi non puoi tenerli tutti dentro quel fottuto organo, perché rischi di perdere contatto con la realtà, ma non puoi tenerli fuori perché rischi di inaridirti. Forse l’unica soluzione è lasciarli in una via di mezzo, un po’ come il dormiveglia, in quella condizione incerta tra essere svegli ed essere addormentati. E mentre lo snooze time ci farà sognare ancora qualche minuto, sappiamo che la sveglia ci riporterà nella realtà, in una nuova giornata, a correre tra i figli che devono andare a scuola e il cartellino da timbrare, a inalare smog nel traffico; e come un orologio regolato dai suoi complessi meccanismi, c’è chi passa il tempo cercando di far quadrare la propria vita nelle ore che abbiamo a disposizione e chi semplicemente sogna che quella scritta non sia solo sul muro, ma altrove.

038-sul-muroQuesto lunedì è per Emma e Tati.

Annunci
Standard

80 thoughts on “SUL MURO

  1. scrittore5-5 ha detto:

    C’ una parte comica. Le tue risposte, giuro, sono esilaranti e varrebbero da sole il biglietto non molto economico.
    La seconda parte è una di quelle da tenere sempre, per chiedersela ogni giorno. Senza far l’errore di dare risposte affrettate.

    Liked by 3 people

    • Grazie mille…, ti garantisco che su quella parete c’è scritto l’universo. Tipo quei romanzi d’amore, un po’ allucinanti, che per carità possono piacere, ma non rientrano nei miei gusti. Grazie per essere passato da queste parti. p.s. Sulle risposte si attendono tempi migliori 😉

      Liked by 1 persona

  2. Di tutto il post mi ha colpito la fila di un’ora e mezza… mi spiego… per quanto bella possa essere, abbiamo così bisogno di una mostra sull’amore? Abbiamo il cuore così inaridito da aver bisogno di un attento intervento fertilizzante? Beh, parlo per me, forse sí, avrei proprio bisogno di una mostra sull’amore.
    tieni saldo il piede dentro quel fottuto organo, Orso!
    Lievemente, Neveesogno

    Liked by 1 persona

  3. E’ il secondo post di oggi che tratta di un argomento così difficile da razionalizzare, che poi a voler razionalizzare l’amore si perde lo stesso tempo che ci vuole a lavare un asino, sprechi sapone e infastidisci la bestia!
    Sono convinta che le frasi “per sempre” e “non farò mai” siano tanto teoriche quanto irrealizzabili. L’assoluto non esiste, siamo creature fallibili, a volte ingorde, frettolose e inconsistenti, dobbiamo accontentarci del compromesso, dei colori sfumati, del “più che potrò” e del “farò del mio meglio”, dobbiamo mediare ogni giorno tra i nostri desideri e ciò che la sorte è davvero in grado di offrirci.
    Il vero grande errore è l’incapacità di comunicare un disagio, un bisogno di attenzione, un personale senso di solitudine a chi ci sta accanto, è la sfiducia nelle doti di ascolto e comprensione dell’altro ed è il pensare di risolvere ogni problema dando un colpo di spugna alla vecchia vita, ricominciare da capo fuggendo, dimentichi del cumulo di macerie che ci si lascia alle spalle.
    Io mi impegno ogni giorno perchè funzioni e spero di cavarmela, bacchette magiche non ne ho, con l’ultima devo aver fatto gli spiedini, e le palle di vetro non le appendo manco più sull’albero di Natale, però ci provo a tenere saldo quel piccolo lume che ho dentro, nonostante le discussioni, la routine, i capelli che cadono, le tette che (ahimè!) scendono, le partite di calcio e le gite al centro commerciale. Ci provo. Un bacio di buona settimana, Emma fa bene a stanarti mio orso letargico! ❤ ❤

    Liked by 2 people

    • Direi che il tuo post non è solo una risposta ad una serie di interrogativi, che forse scapestrate coppie cercano, ma un vero e proprio trattato di psicologia. Come al solito mi tolgo il cappello e mostro la mia capoccia pelata! La verità che per me è un argomento difficile da trattare, vuoi perchè non lo conosco in senso di coppia (e i miei ricordi non appartengono alla Disney), e un po’ perchè è un argomento in cui si rischia di cadere nel “sole-cuore-amore”. Ed io francamento a questo threesome sono un po’ allergico 😉 Grazie Mela… mi sa che ci si becca prossimamente eh 😉 Cappuccino, biscotti da the, libri, gossip, cazzate, musica… e tanto altro ancora!

      Mi piace

  4. e come si fa?… no, dico: come si fa a non adorare te e il tuo essere OrsoMeraviglia?… non si può, chi lo fa è un buzzurro…
    sai cosa pensavo in questi giorni?… che la vita e tutto quello che gli gira intorno ( quindi anche quella cosa lì… l’ innominabile 😉 ) è molto simile ad un immenso gomitolo-groviglio di fili elettrici, spelacchiati, accidentalmente attaccati ad una presa a muro ma senza messa a terra… le possibilità son molteplici: tutto fila liscio, una leggera scossa, una fulminazione con perdita di sensi e memoria, esplosione e catastrofe … e come si fa?… ci vuole una gran bella dose di botte di culo!… oppure non ti ci avvicini… ma a NOI il rischio, in fondo, piace un sacchetto… no? 😉

    Liked by 1 persona

    • A noi il rischio ci piace assai. Per questo ci facciamo male. Ma anche vero che saremmo spenti se non rischiassimo. A proposito di essere spenti ti informo che sto ascoltando Irene Grandi che canta “Bruci la città”. Sono passati 4 giorni … ancora niente ….Bruci la città o viva nel terrore, nel giro di due ore, svanisca tutto quanto, svanisca tutto il resto.

      Mi piace

  5. Sarà l’età (la mia 😉 che peraltro non mi sento per nulla dentro), saranno gli anni di matrimonio, tanti… , ricchi di belle cose ma anche carichi di discussioni e momenti non facili, mi chiedo: perché l’amore deve essere sempre espresso con frasi mielose? Perché non vederlo e viverlo anche nelle lavatrici da fare, la cucina da pulire, gli orari di lavoro (quando c’è) da rispettare? E la sera chiudere la porta di una casa, bella o brutta che sia, ben arredata o minimale, per trovarsi in due/tre/quattro anime e cervelli che si confidano, si ritrovano o sanno apprezzare anche il silenzio dell’altro, capire solo da un semplice sguardo perché in quell’istante non desidera parlare?
    I sentimenti si costruiscono, si nutrono di quotidianità. Ho l’impressione che oggi questa stia diventando sinonimo di routine, che si abbia sempre necessità di vivere nello straordinario, nella “fiaba” mentre credo che la vera magia consista nel dirsi ogni giorno “ne vale la pena”.
    Un abbraccio Ro.
    Primula
    p.s. i tuoi commenti alle scritte sono esilaranti 😀 😀 sintetizzano però delle grandi verità. Clap clap 😉

    Liked by 3 people

    • Madonna Primula quanto hai ragione… Non la saggezza della donna matura o adulta, ma la saggezza di una donna che sa vivere 😉 Grazie P.s. Guarda è triste dirlo, ma su quelle pareti c’è davvero l’Italiano (e non so se medio). E comunque non è il massimo eh…

      Mi piace

  6. Tra scritte insulse e i tuoi controcommenti, mi son sbellicata. Quella sulle tasse poi… 😂😂😂😂 !!!! Mi ci voleva proprio stasera.
    Poi tu scrivi: “È davvero questo il sentimento che sta alla base di tutto?”. Beh, penso di sì. Ma intendo amore in senso lato: dal regalare un sorriso ad uno sconosciuto , al preparare la cena per il genitore; dall’ammirarare la natura, a riordinare la casa; dala famiglia agli amici. Fare tutto con amore, serve ad amare noi stessi, renderci la vita meno pesante cogliendone il buono.
    Va beh, ma io sono una sciocca idealista… forse ^_^ 😉

    Liked by 1 persona

    • Allora siamo due sciocchi idealisti, perchè la penso anche io così 😉 E sulle frasi ti giuro ci siamo sbellicati. Cghissà quante parolacce mi avranno detto coloro a cui ho, come dire, “controscritto” le loro minchiate 😀 Grazie Cat

      Liked by 1 persona

  7. Sei un mito, Rom!❤️peccato che nessuno pagherà 13 euro per rivedere la mostra perché sarebbe stato bello vedere le facce degli strampalati autori nel leggere le tue fantastiche risposte! Vabbé…di sicuro ora la mostra ha un valore in più per i visitatori che si scompisceranno a leggerti 😂😂😂

    Ps. Ieri sono riuscita ad imbucarmi all’Adriano da Liga! Ti dirò che ho rivalutato l’album…la storia che c’è dietro é molto bella…insomma credo che per una volta lascerò in pace il mulo che ha già il suo gran bel da fare con le serie tv e me lo andrò a comprare! 😁

    Liked by 1 persona

    • Se ci fossimo andati insieme PiBi ci saremmo ammazzati dalle risate. Su quei muri il delirio. Tra la politica che non c’entrava niente e le frasi da Baci Perugina. Ma il prezzo davvero un po’ caro, un po’ lo abbiamo ammortizzato così. Sul Liga sei la solita culona 😀 E comunque ti stavo per scrivere anche io. Ho sentito l’album. In effetti è da rivalutare. Nell’insieme ha un suo perchè. Resto solo un po’ scettico sulla scelta dei due primi singoli. Per le serie TV ho ripreso il mio trip e la sera prima di andare a dormire, me ne sparo un paio. Aò io così spengo sto cervello! 😂😂😂

      Liked by 1 persona

  8. L’amore non è una equazione, purtroppo, o esisterebbe una regola che vale per tutti, indipendentemente da quanto tempo ci metti a capirla, solo quella funziona.
    E invece, nonostante tutto, nonostante il tempo, nonostante sto romanticismo che non si sa mai se torna, scappa, viene, va(ffanculo) cuore e amore sono sempre affascinanti perchè ogni persona ha qualcosa da scoprire e raccontare in merito.
    Ognuno vorrebbe dire la sua, sperare di trovare risposte, magari addirittura dare delle risposte, ma alla fine se ci fermiamo un attimo e ci chiediamo “ma cos’è davvero l’amore?”, sappiamo rispondere?
    Anche in questo caso una risposta giusta non esiste, per me ha il suono di quell’accento romano e il vivo color rame dei capelli di qualcuno che non sembra particolarmente intenzionato a corrispondere il mio sentimento, e ora mi sorge una nuova domanda, sarà amore anche se non è condiviso o in questo caso cambia nome?
    L’idea del muro è piacevole, lasciare un messaggio può sfogare rabbia, delineare un sentimento puro o esternare dubbio e rassegnazione, ma se nessuno risponde poi che utilità avrà mai?
    Inutile dirti che anche stavolta sei riuscito a dare un senso anche a qualcosa di potenzialmente “sterile”, chissà che leggendo alcune tue risposte, qualcuno non possa trarne beneficio, magari cambiando una giornata grigia con un sorriso inaspettato….
    Degna di nota è senza dubbio la dedica a Salvini, non mi interessa la politica e non voglio farne un caso, ma a meno che uno non provi una certa attrazione nei suoi confronti, che stracaspita c’entra con la mostra sull’amore?
    E’ coerente come sperare che un vegetariano accetti con gioia un lavoro in una macelleria….

    Liked by 1 persona

    • Comunque dici bene l’amore viene e va(ffanculo). Come al solito mi fai ammazzare. Guarda che hanno più senso le tue che non la maggior parte di quelle sparse sul muro. Comunque 1) L’accento romano. Ne vale la pena? Te lo dico da fratello maggiore. 2) Aver lasciato una frase su quel muro, non risolve, ma è un po’ liberatorio, a prescindere dalle minchiate che ci scriviamo. E forse ci piace sognare che in questo modo, diamo un tocco di magia. 3) Su Salvini. No comment. Perchè c’era anche il Berlu e tralascio quello che avevano scritto. Non l’ho riportato perchè nella mia controscritta sono stato abbastanza scurrile. 4) Don’t give up.

      Liked by 1 persona

      • Sull’accento posso rispondere in maniera ideale, ne vale la pena? Per me si, eccome.
        E sono convinta che lui abbia bisogno soltanto di essere davvero sicuro di essere amato, considera che essendo stato il mio primo fidanzatino, è un pò difficile affidarsi ai sentimenti di “censura” anni fa, ma non si può neppure ignorare il fatto che al pensiero batta ancora forte il cuore.
        Vedremo, alla fine che cosa ho da perdere? Al limite mi dirà va(ffanculo)…..
        Sei sempre unico Romeo…. mi permetto di correggere il punto 4 con NEVER give up 😉

        Liked by 1 persona

  9. Una mostra sull’Amore.. questa mi mancava, non tanto per l’argomento che è oggetto di disquisizione e poeticherie da secoli, ma per il coraggio di titolarla al sentimento più discutibile e controverso da sempre. Le tue risposte alle domande sono esilaranti, complimenti. Ma non c’era nemmeno un lucchetto? 🙂
    Devo dire che mi hai fatto morir dalle risate.
    Piacere, mi chiamo Stefania.

    Liked by 1 persona

  10. Mi vergogno un po’ di commentarti adesso ma è stata ‘na settimana tremenda! Amore che move il sole e le altre stelle diceva Dante…L’amore è il più bello dei sentimenti ma chiaramente per riuscire a nascere e a crescere ha bisogno di essere alimentato. Le vostre scritte al confine del cuore mi sono piaciute da matti. Forse alla fine il segreto di tutto è proprio quel muro, quel confine, amare vuol dire essere sempre in equilibrio sui sentimenti e non è per niente facile. Un abbraccio! Lila

    Liked by 1 persona

  11. Ritardona ha detto:

    Ma oltre a frasi più o meno “minchione” lasciate da visitatori egocentrati, c’era qualcosa di interessante da vedere? Perché a me son piaciute le tue risposte e le tue riflessioni…e non le troverò! Grande Ro! Un bacio enorme!

    Liked by 1 persona

    • Ho postato le foto su FB. Se ti piace l’arte contemporanea potrebbe piacerti. In assoluto però, oltre alle scritte sul muro che ci hanno fatto sbellicare dalle risate, c’era una stanza, tipo sgabuzzino, che ha creato anche un enorme fila. Ci si poteva entrare due alla volta, ti chiudevano dento e potevi restare venti secondi. C’era un uomo che fuori cronometrava. Era un piccolo corridoio, con tanti specchi e delle strane luci a terra, che avevano una strana forma, il tutto creava un effetto suggestivo. La verità è che sei talmente preso dal fare la foto, che finisci per goderti davvero poco di quei venti secondi… 😉 Grazie.

      Mi piace

  12. Tacco 12 ha detto:

    Ti ringrazio Ro per aver detto all’uomo di cercare i propri attributi.
    La tua frase dovrebbe essere scritta sullo specchio di ogni essere maschile che popola questa Terra.
    Ma… li avrà trovati?

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...